0 days, 00 00 00 h.

Countdown alla #mdd31

Alta Badia
▲ TOP

Iscrizioni di beneficenza 2016

 

386 iscrizioni GOLD, PLATINUM e CRYSTAL eseguite esclusivamente online con carta di credito su www.maratona.it

 

Riproposte le iscrizioni a prezzo maggiorato, la cui maggiorazione sarà devoluta a tre associazioni:
Assisport Alto Adige (www.sporthilfe.it) che sostiene veri talenti sportivi, ragazzi che non hanno la possibilità di finanziarsi le competizioni;
Associazione Gruppi "Insieme si può" Onlus/ONG (www.365giorni.org) che sostiene il progetto legato alla disabilitá in Uganda illustrato su questa pagina;
Associazione "Alex Zanardi BIMBINGAMBA" (www.bimbingamba.com) che realizza protesi per i bambini che hanno subito amputazioni e che non possono usufruire dell'assistenza sanitaria.

 

Le prime 193 iscrizioni a prezzo maggiorato con ricavato destinato in beneficenza sono state vendute online il 24 novembre 2015. Ulteriori 193 iscrizioni sono state vendute online il 24 marzo 2016.

350 iscrizioni GOLD al prezzo di 250,00 euro;
30 iscrizioni PLATINUM al prezzo di 500,00 euro;
6 iscrizioni CRYSTAL al prezzo di 1.500,00 euro.

  

Con l'acquisto di un'iscrizione a prezzo maggiorato si avrà diritto ad un piccolo ricordo della manifestazione oltre che alla partenza in una griglia preferenziale (le Gold in seconda griglia, e le Platinum e Crystal in prima griglia).

   

 

 

Disabilità non è inabilità! 
Fisioterapia, interventi correttivi, carrozzine, cure, cibo, scuola, lavoro, inclusione sociale per i bambini e i giovani disabili ugandesi

Il progetto di solidarietà proposto per il 2016 dall’Associazione Gruppi "Insieme si può" Onlus/ONG (www.365giorni.org) è legato alle persone con disabilità in Uganda, Paese tra i più poveri al mondo, dove i casi di disabilità sono moltissimi, che da stime ufficiale riguardano il 10% della popolazione.
In particolare per bambini e ragazzi, si desidera migliorare l'accesso alle cure sanitarie e riabilitative, garantire alimentazione ed istruzione, sostenere i giovani nella formazione professionale e quindi nella ricerca di un lavoro, facilitare l’accesso ai servizi sociali per aiutare l'inclusione e la partecipazione alla vita della famiglia e della comunità:
• Saranno coperte le spese per gli interventi chirurgici correttivi per 25 bambini e ragazzi con disabilità.
• Saranno acquistati e distribuiti 20 tricicli e carrozzine per assistere nella mobilità 20 persone con disabilità.
• Verranno acquistati e consegnati dispositivi per la terapia di riabilitazione e verranno pagati i percorsi di recupero terapeutico per 15 bambini e ragazzi.
• Si provvederà alle spese di formazione professionale, monitoraggio e affiancamento nel mercato del lavoro per 8 giovani con disabilità.
• Verranno sostenute concretamente, nell’avvio di attività lavorative generatrici di reddito per l’auto sostentamento, 5 famiglie con familiari disabili che necessitano regolari cure mediche e terapie riabilitative .
• Sarà ristrutturata la cucina del centro di Kireka, creando uno spazio per il pranzo accessibile e sano per i 72 bambini con disabilità ospitati.
• Sarà coperto per 1 anno il costo per i farmaci essenziali per i piccoli ospiti della struttura di Kireka (in particolare per l'epilessia e per le malattie mentali) e si provvederà alla copertura di parte del costo di esercizio annuale (personale di assistenza e alimentari) per la casa di accoglienza di Kiwanga, per un totale di 87 beneficiari.
• Verranno acquistati i materiali per la realizzazione di 40 paia di scarpe ortopediche e 60 paia di stampelle che verranno prodotte (all’interno del Centro stesso) per gli ospiti del Centro di Riabilitazione di Mubende.

Il progetto viene realizzato da “Insieme si può” in collaborazione con un’organizzazione ugandese, ISP Uganda, da anni impegnata con trasparenza e entusiasmo nel miglioramento delle condizioni di vita dei più deboli.

Disabilità non è inabilità. Questi bambini e questi ragazzi muoveranno con libertà e una nuova speranza i passi, concreti e simbolici, verso l’inclusione e la dignità. Realizzeranno piccoli, ma grandi viaggi, che credevano sino ad oggi, per loro, impossibili.

 

 

 

 

L’Associazione “Alex Zanardi BIMBINGAMBA” (www.bimbingamba.com) realizza protesi per i bambini che hanno subito amputazioni e che non possono usufruire dell’assistenza sanitaria. Sono bambini che provengono da ogni parte del mondo e hanno perso uno o più arti per incidenti, malattie o per lesioni provocate da esplosioni o armi da fuoco in zone di guerra.

L’Associazione BIMBINGAMBA opera grazie a R.T.M. Ortopedia e Centro di Riabilitazione Casalino con la collaborazione di Clinica Mobile nel Mondo del Dottor Claudio Costa, Claudio Panizzi fisioterapista e Studio Ferri & Associati di Bologna.
I bambini vengono assistiti durante tutta la loro permanenza in Italia anche dal punto di vista logistico. Al 2015 sono stati trattati oltre 100 bambini amputati.
L’Associazione inoltre sta lavorando attivamente al progetto BIMBINGAMBA – Sport per avviare alla pratica dell’handbike i bambini amputati o con lesioni spinali.

 

  

 

Guarda anche:
Progetti beneficenza 2015
Progetti beneficenza 2014
Progetti beneficenza 2013
Progetti beneficenza 2012
Progetti beneficenza 2011

 

  • TITLE SPONSOR
  • INSTITUTIONAL PARTNERS
  • MAIN PARTNERS
  • GOLD PARTNERS
  • SILVER PARTNERS
  • BRONZE PARTNERS
  • REGIONAL PARTNERS